Payton Gendron: Quello che sappiamo sul sospettato di aver sparato al supermercato Buffalo

Il Tops Friendly Market dove si sono svolte le riprese si trova nel cuore di La comunità nera di Buffalo e 11 delle 13 persone uccise dal sospetto bianco erano nere, hanno detto i funzionari.

“Questo era puro male”, ha detto lo sceriffo della contea di Erie John C. Garcia in una conferenza stampa di sabato, definendo la sparatoria un “crimine d’odio motivato razzialmente da qualcuno al di fuori della nostra comunità”.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta indagando sulla sparatoria “come un crimine d’odio e un atto di estremismo violento di matrice razziale”, secondo una dichiarazione del procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland.

Payton Gendron di Conklin, New York, è stato accusato di omicidio di primo grado sabato, ha detto il procuratore distrettuale della contea di Erie John J. Flynn in un comunicato stampa. Conklin è a circa tre ore e mezza di macchina da Buffalo.

Si è dichiarato non colpevole.

Ecco cosa sappiamo del sospettato della sparatoria.

Payton Gendron parla con il suo avvocato durante la sua citazione in giudizio al tribunale di Buffalo City sabato.

Indossava un equipaggiamento tattico

Le autorità affermano che quando il sospetto è arrivato al negozio intorno alle 14:30, era pesantemente armato, indossava un equipaggiamento tattico, un casco e aveva una telecamera che trasmetteva le sue azioni in diretta.

Il sospetto ha usato un’arma d’assalto, ha detto Flynn durante la conferenza stampa.

Nel suo comunicato stampa, Flynn ha detto che il sospetto ha sparato a quattro persone fuori dal negozio di alimentari, tre a morte. Quando è entrato nel negozio, ha scambiato il fuoco con una guardia di sicurezza armata, che secondo le autorità era un agente di polizia di Buffalo in pensione. La guardia di sicurezza è morta per le ferite riportate. Il sospetto ha sparato ad altre otto persone nel negozio, sei delle quali sono morte, secondo il comunicato.

Presumibilmente ha trasmesso in live streaming su Twitch

La popolare piattaforma di live streaming Twitch ha confermato sabato che il sospettato della sparatoria ha utilizzato la sua piattaforma per trasmettere in streaming una trasmissione in diretta durante l’attacco.

Il massacro del supermercato di Buffalo è l'ultima sparatoria di massa di alto profilo che le autorità dicono sia stata motivata dall'odio.  Eccone altri

La società si è detta “devastata” nell’apprendere della sparatoria e ha aggiunto che l’utente “è stato sospeso a tempo indeterminato dal nostro servizio e stiamo adottando tutte le misure appropriate, incluso il monitoraggio di eventuali account che ritrasmettono questo contenuto”.

La CNN ha ottenuto una parte del live streaming che mostra il presunto tiratore che si ferma in un negozio Tops.

Il video è registrato dal punto di vista del presunto tiratore mentre sta guidando nel parcheggio del supermercato. La persona viene vista nello specchietto retrovisore con indosso un casco e si sente dire: “Devo solo provarci”, prima di entrare nella parte anteriore del negozio.

Nel video, gli avventori del negozio possono essere visti camminare nel parcheggio mentre il sospetto si avvicina.

Un portavoce di Twitch ha affermato che la società ha rimosso il live streaming meno di due minuti dopo l’inizio della violenza. La società non ha risposto immediatamente alle domande di follow-up sul fatto che il sospetto stesse attivamente sparando quando il live streaming è stato interrotto.

Il presunto manifesto parla della “dimensione in diminuzione” della popolazione bianca

Gli investigatori stavano esaminando il presunto manifesto di 180 pagine di sabato che è stato pubblicato online in relazione all’indagine sulla sparatoria, hanno detto alla CNN due fonti delle forze dell’ordine federali.

Le autorità affermano che il sospetto tiratore del supermercato Buffalo ha viaggiato per ore.  Ecco cosa sappiamo

Il manifesto, ottenuto indipendentemente dalla CNN poco dopo l’attacco e prima che le autorità rilasciassero il nome del sospettato, sarebbe stato scritto da una persona che afferma di essere Payton Gendron che confessa l’attacco.

L’autore del manifesto dice di aver comprato munizioni per un po’ di tempo, ma di non aver preso sul serio la pianificazione dell’attacco fino a gennaio. L’autore prosegue anche sulla sua percezione della diminuzione delle dimensioni della popolazione bianca e delle affermazioni sulla sostituzione etnica e culturale dei bianchi.

Una parte del documento è scritta in forma di domande e risposte.

L’autore del manifesto attribuisce a Internet la maggior parte delle sue convinzioni e si descrive come un fascista, un suprematista bianco e un antisemita.

Probabilmente dovrà affrontare più accuse

Gendron è stato accusato sabato sera davanti al giudice capo del tribunale di Buffalo City Craig Hannah con l’accusa di omicidio di primo grado, ha affermato il comunicato stampa del procuratore distrettuale.

Si è dichiarato non colpevole, ha detto Hannah alla CNN. Se condannato, rischia una pena massima all’ergastolo senza condizionale, afferma il rilascio.

E potrebbero esserci altre accuse in arrivo, hanno detto i funzionari.

“Il mio ufficio sta lavorando a stretto contatto con l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti e i nostri partner nelle forze dell’ordine in potenziali crimini di terrorismo e odio. Questa è un’indagine attiva e potrebbero essere presentate accuse aggiuntive”, ha affermato Flynn in una nota.

Gendron dovrebbe tornare in tribunale la mattina del 19 maggio per un’udienza penale, afferma il comunicato. Rimarrà in custodia senza cauzione, ha aggiunto.

Sharif Paget, Sabrina Shulman e Brian Stelter della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

.

Leave a Comment