I repubblicani del Minnesota tornano come nuovi arrivati ​​come speranzosi AG

Le preoccupazioni per l’integrità elettorale e il crimine erano in prima linea quando i repubblicani del Minnesota si sono riuniti venerdì per la loro convenzione di stato, dove hanno approvato il nuovo arrivato politico Jim Schultz per la corsa al procuratore generale e Kim Crockett come segretario di stato.

I due incarichi in tutto lo stato – uno il massimo avvocato dello stato, l’altro con la supervisione delle elezioni statali – sono stati bloccati dai Democratici per anni.

I repubblicani hanno anche approvato l’avvocato Ryan Wilson come revisore dei conti dello stato, poiché migliaia di delegati si sono riuniti a Rochester per cercare di riunirsi attorno ai candidati per gli uffici chiave in tutto lo stato prima delle primarie di agosto.

Sabato porterà il compito più grande: scegliere un candidato alla carica di governatore da un campo affollato.

“La lotta contro Keith Ellison inizia domani”, ha detto Schultz, mentre si dirigeva verso un probabile incontro di novembre con il procuratore generale in carica, che sta cercando un secondo mandato.

Schultz ha definito Ellison “radicale” e ha affermato che l’aumento dei crimini violenti negli ultimi anni “è un oltraggio e una disgrazia, e manterremo Keith Ellison responsabile per questo”.

I democratici hanno rapidamente preso di mira Schultz, con il presidente del partito DFL Ken Martin che lo ha definito un “avvocato di hedge fund senza esperienza in un’aula di tribunale del Minnesota”.

“Ora più che mai, i Minnesotans hanno bisogno di un procuratore generale esperto che protegga i loro diritti e portafogli”, ha affermato Martin in una nota. “E quello non è Jim Schultz.”

I candidati che ottengono consensi possono attingere alle risorse del partito dirette alle primarie e alle elezioni generali. I repubblicani sperano di estromettere una lista di incumbent democratici, tra cui Ellison, il segretario di Stato Steve Simon, il revisore dei conti Julie Blaha e il governatore. Tim Walz.

Diversi candidati alla carica di procuratore generale hanno denunciato l’aumento dei crimini violenti nelle Twin Cities e le restrizioni COVID-19 ora revocate di Walz. Schultz, laureato alla Harvard Law School e avvocato d’affari, ha ottenuto la sua approvazione dopo aver sostenuto di aver messo insieme la squadra migliore e costruito il supporto di base necessario per vincere in tutto lo stato.

I diritti degli americani sono stati “distrutti e dati alle fiamme” negli ultimi anni, ha affermato.

“Abbiamo lasciato che i media ci picchiassero, abbiamo lasciato che i Democratici ci picchiassero”, ha detto Schultz. “Questa campagna non riguarderà la difesa. Sarà offesa, offesa, offesa”.

Schultz ha battuto di poco Doug Wardlow, un ex legislatore statale a un mandato che ha vinto l’approvazione del partito per la carica nel 2018 ma ha perso contro Ellison.

“I venti politici sono cambiati; sono alle nostre spalle”, ha detto Wardlow venerdì.

Dopo aver perso contro Ellison, Wardlow ha lavorato per il CEO di MyPillow Mike Lindell come consigliere generale dell’azienda. Sta anche aiutando a gestire la difesa di Lindell contro le cause per diffamazione intentate dalle società di macchine per il voto che secondo Lindell avrebbero cospirato per rubare le elezioni del 2020. Lindell ha fatto un’apparizione alla convention per supportare Wardlow.

“Sono qui per Doug in questo momento”, ha detto Lindell mentre passeggiava per il Mayo Civic Center. Ha trasmesso le sue affermazioni spesso ripetute e a lungo screditate secondo cui l’ex presidente Donald Trump ha vinto le elezioni del 2020 e che le macchine per il voto elettronico dovrebbero essere messe fuori uso.

Alcuni delegati hanno affermato che Tad Jude, che è stato giudice distrettuale, commissario della contea di Hennepin e legislatore statale, è stata la scelta più esperta per l’approvazione del procuratore generale. Ma Jude ha abbandonato la lotta dopo un paio di tornate di votazioni e ha approvato Schultz. Anche Lynne Torgerson, un avvocato di Minneapolis che ha sottolineato il suo sostegno a Trump, ha chiesto l’approvazione.

Schultz correrà alle primarie di agosto contro il repubblicano Dennis Smith, un ex legislatore statale. Smith ha aggirato il processo di approvazione dopo averlo definito “un gioco per addetti ai lavori”.

Nella corsa a segretario di stato, Crockett ha battuto Kelly Jahner-Byrne in una lotta a due per l’approvazione.

“Dobbiamo tornare alle tradizioni civiche che ci uniscono, come votare di persona”, ha detto Crockett. “Dobbiamo sradicare anni di processi elettorali iperpartigiani”.

Crockett lavora come consulente per le politiche legali della Minnesota Waters Alliance, che ha intentato numerose cause contro Simon per l’amministrazione elettorale dello stato. Lei era sospeso da un think tank nel 2019 per i commenti fatti sui somali americani per un articolo del New York Times. I suoi commenti, che includevano le osservazioni “queste non sono persone provenienti dalla Norvegia”, sono stati ampiamente visti come islamofobi.

“Kim Crockett è una teorica della cospirazione elettorale che si è impegnata a limitare il voto anticipato, annullare il voto per posta e rendere più difficile per i Minnesotan più anziani e per la gente del Minnesota più grande votare”, ha detto Martin, presidente del DFL, dopo aver è stato approvato.

Jahner-Byrne, un imprenditore e filantropo di Woodbury, lo era cercando la nomina repubblicana dopo una corsa senza successo per la Minnesota House nel 2020. Aveva gestito una campagna per l’ex Segretario di Stato del Minnesota Mary Kiffmeyer, che ora si sta ritirando da senatrice di stato e l’ultima repubblicana ad essere eletta segretario di stato.

“Abbiamo bisogno della forma più pura di integrità elettorale; abbiamo bisogno di un documento d’identità”, ha detto Jahner-Byrne alla folla della convention. L’annuncio della sua campagna elettorale lo scorso anno includeva accuse di “mancanza di gestione, supervisione e ovvie insicurezze” nell’ufficio di Simon.

Simon, citando valutazioni statali e federali, ha definito le elezioni del 2020 una delle più sicure di sempre. Indica spesso il tasso di affluenza alle urne più alto del Minnesota come un chiaro segnale di alta fiducia nel sistema elettorale dello stato.

I commenti del candidato e le macchinazioni della convenzione di venerdì hanno messo in luce i persistenti sospetti tra i repubblicani sulla sicurezza elettorale e sulla fiducia degli elettori nello stato e a livello nazionale dal voto del 2020. Prima di qualsiasi approvazione, i delegati della convenzione hanno combattuto sul proprio processo di voto. I delegati si sono confrontati sull’opportunità di utilizzare il voto elettronico o le schede cartacee per prendere le decisioni di approvazione.

“Se siamo chi diciamo di essere, allora possiamo fidarci del processo”, ha detto il partecipante alla convention Don Raleigh III, che era favorevole alle schede elettroniche. “Non vedo che la richiesta di schede elettorali su carta sia necessaria. Ci vorrà molto, molto tempo”.

Alcuni repubblicani hanno sostenuto di continuare con il metodo elettronico, preoccupati di non avere tempo per fare una scelta nella corsa al governatore, mentre gli oppositori del sistema elettronico si sono immersi in discorsi di cospirazione. Il tentativo di passare alle schede cartacee è fallito.

Mentre le altre battaglie per l’approvazione sono state contestate, Wilson era il candidato solitario cercando l’approvazione del GOP per l’auditor per affrontare Blaha a novembre. Wilson, un avvocato di Maple Grove, è l’ex CEO e co-fondatore di un’azienda che si occupava di studi clinici sui dispositivi medici.

“Se riusciamo a unirci, se riusciamo a trovare i candidati disposti a combattere per il Minnesota, il nostro modo di vivere, allora vinceremo”, ha detto Wilson.

Lo scrittore dello staff Stephen Montemayor ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment