Eurovision 2022: l’Ucraina Kalush Orchestra è la favorita per la vittoria del concorso di sabato

Il gruppo folk-rap è il favorito in fuga nei mercati delle scommesse e la loro presenza al torneo ha catturato l’immaginazione dei fan di ogni paese in competizione.

“Mentre parliamo, il nostro paese e la nostra cultura sono minacciati. Ma vogliamo dimostrare che siamo vivi, la cultura ucraina è viva, è unica, varia e bella”, ha detto alla CNN Oleg Psyuk, il frontman della band.

“Questo è il nostro modo per essere utili al nostro Paese”, ha detto.

A prima vista, il gruppo di sei elementi sembra inserirsi comodamente con dozzine dei loro fratelli più eccentrici dell’Eurovision.

La maggior parte dei membri indossa abiti elaborati abito nazionale, con il rapper Psyuk che sfoggia anche un cappello a secchiello rosa. Un membro è così sommerso da ricami a motivi geometrici che è visibile solo la sua bocca, mentre il contrabbassista del gruppo viene vestito come un gomitolo di lana.

Ma portare la Kalush Orchestra sul palco dell’Eurovision ha richiesto un po’ di lavoro e il loro viaggio è profondamente intrecciato con la guerra in patria.

La band inizialmente è arrivata seconda al concorso di selezione nazionale dell’Ucraina, ma è stata elevata dopo che è emerso che il vincitore aveva precedentemente viaggiato nella Crimea annessa alla Russia. Sono stati svelati come ingresso del paese il 22 febbraio, due giorni prima che le truppe russe invadessero l’Ucraina.

Eurovision: ecco chi passa al gran finale

“Tutti i membri del gruppo sono in qualche modo coinvolti nella difesa del Paese”, ha detto Psyuk alla CNN via e-mail.

Un membro della squadra media della squadra è entrato in difesa del territorio e sta combattendo in prima linea, lasciando il gruppo a corto di personale a Torino. Psyuk, nel frattempo, si offre volontario per trovare un rifugio per gli sfollati ucraini e organizza il trasporto di cibo e medicinali.

Lo sfondo del conflitto ha complicato i preparativi per l’Eurovision. Il gruppo è stato costretto a provare virtualmente fino a quando non è stato finalmente in grado di incontrarsi a Leopoli dopo settimane di guerra.

E la loro canzone ha assunto un nuovo significato. “Stefania”, cantata in ucraino, è un tributo alla madre di Psyuk, che vive ancora nella città occidentale di Kalush da cui la band prende il nome. “In alcuni giorni ci sono razzi che volano sulle case delle persone ed è come una lotteria: nessuno sa dove andrà a segno”, ha detto Psyuk alla CNN.

Gli organizzatori hanno bandito la Russia dal concorso a febbraio, 24 ore dopo una decisione iniziale, ampiamente criticata, di consentirle di partecipare. La European Broadcasting Union ha concluso che la presenza del paese “porterebbe discredito alla concorrenza”.

Johnny Weir è un superfan dell'Eurovision e sta dando i suoi frutti

La Bielorussia, che ha aiutato l’invasione di Mosca, era già stata sospesa a causa della soppressione della libertà dei media nel Paese.

Kalush, nel frattempo, ha partecipato alla semifinale di martedì e ha suscitato acclamazioni sfrenate dal pubblico quando è salito sul palco. L’Eurovision è notoriamente difficile da prevedere, dato che il suo sistema a punti si basa sia sui verdetti della giuria che sul voto pubblico di dozzine di paesi, ma Kalush sembra una scommessa sicura per prendere la corona di quest’anno.

Una vittoria ucraina significherebbe che il paese ha il diritto di ospitare il concorso del prossimo anno, ma non è affatto certo che un evento del genere sarebbe possibile in Ucraina il prossimo maggio.

Psyuk, però, è ottimista. “Crediamo nella nostra canzone… è diventata una canzone sulla madrepatria”, ha detto.

“Se si scopre che vinceremo, l’Eurovision 2023 si terrà in Ucraina. In una nuova Ucraina integrale… un paese ricostruito, prospero e felice”.

Il duo electro norvegese Subwoolfer affronterà l'Ucraina e dozzine di altre aspiranti.

I primi

La Kalush Orchestra si unisce a un gruppo tipicamente disordinato di concorrenti nazionali alla competizione di quest’anno e, sebbene siano chiaramente i favoriti per il trionfo, un certo numero di altri artisti sono riusciti a far parlare l’Europa nella costruzione.

L’Italia potrebbe conquistare la corona per il secondo anno consecutivo se gli eroi della città natale Mahmood e Blanco ce la faranno. Entrambi sono artisti di successo nel paese; ora stanno unendo le forze per emulare Maneskin, i punk rocker che vinto a sorpresa l’anno scorso.

Anche i Subwoolfer, l’enigmatico duo electro norvegese, hanno attirato l’attenzione con il loro brano “Give That Wolf a Banana”.

La coppia afferma di essersi formata sulla luna 4,5 miliardi di anni fa e di non rimuovere mai le loro maschere canine gialle. Somigliano di più a un Daft Punk ispirato a TikTok, la leggendaria coppia francese ha assunto David Lynch come direttore artistico e ha colpito il circuito delle feste per bambini.

Meno “là fuori” sono le voci da Svezia, Polonia e Grecia: tutte e tre hanno portato ballate che sicuramente interesseranno le giurie nazionali.

Ed ecco alcune parole che questo giornalista esperto dell’Eurovision non avrebbe mai pensato di scrivere: il Regno Unito potrebbe vincere quest’anno.

Esatto: la nazione che, nell’ultimo decennio, ha inviato ciò che resta di Bonnie Tyler ed Engelbert Humperdinck per competere con i promettenti europei ha accettato con riluttanza che la modernità non è solo una moda passeggera, trasformandosi in una sensazione TikTok in un gioca per la fascia demografica europea under 65.

“Space Man” di Sam Ryder è una voce britannica insolitamente forte che prende ispirazione da Elton John e dall’era di Ziggy Stardust Bowie, e alcuni bookmaker danno solo all’Ucraina migliori probabilità di vincere.

Ma la traccia fa molto affidamento sulle straordinarie acrobazie vocali che hanno aiutato Ryder a diventare virale durante i primi giorni della pandemia, quindi non può permettersi una serata libera se vuole spezzare la maledizione di 25 anni dell’Eurovision nel Regno Unito.

Il migliore (e il peggiore) del resto

L’Italia spera di mettere in scena uno spettacolo sabato sera, in occasione della prima Eurovisione post-Covid davanti a un pubblico al completo. L’edizione 2020 è stata cancellata e l’anno scorso si è svolta con restrizioni alla folla.

Quella competizione ha segnato l’uscita di due anni di stranezze represse, e il tono di questa competizione è in qualche modo più tradizionale in confronto. Ma questa è ancora Eurovision, ed è ancora strano, quindi gli spettatori occasionali sintonizzati esclusivamente per scuotere la testa e tut non saranno delusi.

La Lettonia è già stata eliminata, il cui inno attento all’ambiente “Eat Your Salad” iniziava con la frase “Non mangio carne, mangio verdure e p * ssy”. Non sorprende che gli organizzatori abbiano chiesto loro di saltare le allusioni feline, e così facendo hanno spazzato via l’unica caratteristica interessante della canzone.

Konstrakta sostiene l'importanza dell'idratazione per i capelli di Meghan, duchessa del Sussex.

La serba Konstrakta inizia la sua voce, “In Corpore Sano”, con la domanda che ci tiene svegli tutta la notte: “Quale potrebbe essere il segreto dei capelli sani di Meghan Markle?” Poi lei in un certo senso… continua con quel tema. “Cosa potrebbe essere?” Konstrakta canta nella sua lingua madre. “Penso che sia tutta una questione di idratazione profonda.”

L’anno scorso, la micronazione senza sbocco sul mare di San Marino ha incluso inspiegabilmente Flo Rida nella loro canzone, e poi ha costretto il rapper confuso a sedersi e guardare mentre il popolo europeo ha successivamente alzato le spalle al suo potere da star calante, scaricando il paese a un quarto dal basso finire.

Quest’anno, Achille Lauro, un uomo che prende il nome d’arte da una famosa nave da crociera dirottata, prende il ruolo di paese più piccolo in competizione. Con un’estetica tatuata e androgina e testi che paragonano il suo cuore a un sex toy, Lauro è probabilmente il ragazzaccio di Eurovision 2022. (Anche se ha ancora molta strada da fare per battere i vincitori dell’anno scorso, che alla fine sono stati scagionati dall’assunzione di cocaina in onda a seguito di un video virale che ha scatenato un’indagine da parte degli organizzatori.)

Altri colpi lunghi che valgono il tuo tempo includono Stefan, la risposta dell’Estonia a Johnny Cash. Ha interpretato il tema occidentale nel suo video musicale, e sebbene le sue credenziali Eastwoodiane si estendano fino al punto di poter indossare un poncho e guardare cupamente in mezzo alla distanza, la sua voce gutturale e il ritornello orecchiabile potrebbero disturbare i primi classificati.

La concorrente albanese Ronela Hajati arriva per la cerimonia di apertura del concorso.

E poi ci sono i partigiani in Australia. Inizialmente invitata nel 2015 per celebrare il 60° anniversario dello spettacolo, l’Australia continua a scatenarsi ogni anno, vino in scatola in mano, ridendo goffamente delle battute interne dell’Europa e sperando di ottenere una vittoria per i fan più accaniti che si svegliano nelle prime ore del mattino per guardare lo spettacolo a casa.

Per essere onesti nei confronti dell’Australia, danno il massimo – e la pista “Not the Same” del concorrente di quest’anno Sheldon Riley dovrebbe trasformarsi in un traguardo rispettabile.

E la popolarità dell’Eurovision nell’emisfero australe è una testimonianza della sua crescente forza, anche nel suo settimo decennio.

Eurovision inverte la rotta, afferma che la Russia non sarà autorizzata a competere
Un knock-off statunitense – qualcosa chiamato “Concorso di canzoni americane“che gli europei guardano con lo stesso cipiglio sospettoso che indossano quando maneggiano la maionese del proprio marchio in un discount – concluso di recente negli Stati Uniti, e un film Netflix del 2020 con Will Ferrell e Rachel McAdams ha introdotto nuovi dati demografici alla concorrenza febbrilmente seguita.

Eurovision, nonostante tutte le sue stranezze, mantiene un posto speciale nel calendario culturale. Ma vincere avrebbe un significato unico per la Kalush Orchestra, ed è difficile immaginare un vincitore più popolare nella storia del torneo.

“Per noi, la vittoria significherebbe apprezzare la musica ucraina, la sua unicità e bellezza”, ha detto Psyuk alla CNN. “La vittoria solleverebbe anche lo spirito del popolo ucraino, che (ha) non ha avuto alcuna pausa (per) gioia per più di due mesi”.

L’Eurovision va in onda sabato alle 21:00 ora locale (15:00 ET) ed è disponibile su Peacock per i telespettatori statunitensi.

Xiaofei Xu della CNN ha contribuito alla segnalazione.

Questa storia è stata corretta per riflettere che Slavik Gnatenko, un membro del team dei social media della Kalush Orchestra, si è unito alla forza di difesa territoriale ucraina. Il ballerino Vlad Kurochka è con il gruppo in Italia.

.

Leave a Comment