Diversi agenti di polizia di San Jose sotto inchiesta

SAN JOSE, California (KRON) – Il dipartimento di polizia di San Jose è scosso da quattro distinti scandali che coinvolgono agenti in servizio e fuori servizio.

Un agente è stato arrestato con l’accusa di masturbarsi davanti a vittime di crimini inorridite all’interno della loro casa. Un secondo ufficiale è sospettato di essersi presentato ubriaco sulla scena del crimine di rapimento di bambini.

Un terzo agente è accusato di aver offerto una pipa di metanfetamina a un informatore della polizia in cambio di informazioni. In un quarto incidente, un agente di polizia alle prime armi ha subito un’overdose di droga fatale da fentanil dopo essere tornato a casa da una festa.

Il sindaco Sam Liccardo ha affermato che la sfilza di scandali mostra “un tamburo di gravi trasgressioni da parte di giovani ufficiali dell’SJPD. Abbiamo un problema serio in SJPD. ”

Liccardo ha aggiunto: “Questi ufficiali non rappresentano gli standard morali e professionali molto elevati sostenuti dal 99% degli operosi ufficiali dell’SJPD che proteggono la nostra comunità oggi. Niente fa arrabbiare un poliziotto buono più di un poliziotto cattivo. So che la stragrande maggioranza degli ufficiali di questo dipartimento è furiosa come me. ”

Il procuratore distrettuale della contea di Santa Clara, Jeff Rosen, ha affermato che l’incidente della masturbazione è stato particolarmente “inquietante”.

“Le forze dell’ordine rispondono alle nostre case per aiutare le vittime del crimine, non per terrorizzare, traumatizzare e creare nuove vittime”, ha affermato Rosen.

Masturbarsi davanti alle vittime

L’agente Matthew Dominguez, 32 anni, è stato arrestato giovedì con l’accusa di esposizione indecente. Il capo della polizia Anthony Mata lo ha scortato fuori dalla stazione di polizia.

“La scorsa settimana ho detto che quando un agente ha violato la fiducia del pubblico o si è impegnato in una condotta criminale, l’avrei accompagnato personalmente fuori dalla porta. Oggi l’ho fatto”, ha detto Mata giovedì.

Le accuse derivano da un incidente del 21 aprile quando Dominguez e altri due agenti sono stati chiamati a casa di una famiglia di San Jose. La famiglia aveva chiamato i servizi di emergenza sanitaria perché un familiare malato di mente si era presentato a casa in violazione di un ordine restrittivo per violenza domestica.

Ufficiale Matthew Dominguez

“L’agente Dominguez ha iniziato parlando con la figlia 23enne della famiglia. L’agente Dominguez si è interessato a lei e ha continuato a interagire quasi esclusivamente con lei “, hanno scritto i pubblici ministeri negli atti del tribunale.

“Ha fornito all’agente Dominguez la posizione potenziale di suo fratello, il che ha spinto l’agente Dominguez a ordinare agli altri due agenti di andarsene e tentare di localizzare il fratello”, hanno scritto i pubblici ministeri.

Quando Dominguez era solo con la figlia e sua madre, si aprì i pantaloni.

(La madre) ha visto l’agente Dominguez aprirsi i pantaloni, mettere la mano dentro la cerniera e ha cominciato a massaggiargli l’inguine. Allo stesso tempo, la figlia lo ha visto strofinarsi la zona dell’inguine “, hanno scritto i pubblici ministeri.

Dominguez si è poi esposto alla madre e alla figlia, secondo i pubblici ministeri.

Le due donne sono fuggite dalla casa.

La polizia di San Jose ha scritto: “Le vittime scioccate e spaventate sono fuggite e hanno riferito del comportamento dell’ufficiale a due parenti maschi nelle vicinanze”. Uno dei parenti maschi ha allertato i due colleghi ufficiali di Dominguez su quanto era appena accaduto.

La telecamera indossata dal corpo di Dominguez è stata apparentemente attivata durante l’incidente.

Dominguez sarà accusato di un’accusa di esposizione indecente per reato minore il 22 giugno nella Sala di Giustizia. Se condannato, potrebbe rischiare un anno di carcere ed essere inserito nell’elenco degli autori di reati sessuali per 10 anni. Dominguez è attualmente in congedo amministrativo.

Corruzione per pipe di metanfetamina

Un altro ufficiale dell’SJPD è indagato per aver presumibilmente offerto una pipa a metanfetamina a una donna in cambio di informazioni.

Il nome dell’ufficiale non è stato reso pubblico e l’incidente è avvenuto nel dicembre dello scorso anno.

Il sindaco Liccardo ha detto: “Tla condotta del suo funzionario costituisce una grave violazione degli standard etici e professionali di questo dipartimento. Il capo Mata ha risposto in modo appropriato mettendo questo individuo in congedo. Sono fiducioso che il (SJPD) farà tutto ciò che è legalmente necessario per assicurarsi che non indosserà più un’uniforme dell’SJPD “.

Ubriaco di turno

Lo scandalo più recente riguarda un agente che sarebbe stato ubriaco mentre si trovava sulla scena del crimine mentre indagava su un rapimento di un bambino il 25 aprile.

L’ufficiale era presumibilmente ubriaco mentre gli era stato assegnato di perlustrare il quartiere per trovare testimoni del rapimento del bambino. L’ufficiale ha sollevato i sospetti di un agente dell’FBI che era anche lui sulla scena del crimine e l’agente ha denunciato i suoi sospetti all’SJPD.

“Chiedo scusa alla famiglia di Brandon Cuellar di 3 mesi. Quando un qualsiasi agente appanna il badge, ne subiamo tutti le conseguenze “, ha detto il capo della polizia Mata ai giornalisti in una conferenza stampa del 3 maggio.

Mata ha detto: “Non accetterò scuse per la condotta criminale dei nostri agenti di polizia. Mi aspetto che gli ufficiali vengano a lavorare e servire e mantenerli secondo gli standard più elevati. Crediamo nel dovere, nell’onore, nell’integrità. Non tollererò comportamenti inappropriati”.

L’SJPD ha avviato un’indagine sugli affari interni il 26 aprile e l’ufficiale è stato messo in congedo amministrativo. Il nome dell’ufficiale non è stato rilasciato.

Paul Joseph, assistente capo dell’SJPD, ha dichiarato: “Siamo empatici nei confronti delle persone che stanno lottando con l’abuso di sostanze e offriamo molte opportunità a funzionari e dipendenti di ottenere aiuto. Ma se hanno scelto di non cercare quell’aiuto, ci saranno delle conseguenze”.

Overdose mortale di droga

Un agente di polizia alle prime armi, De’Jon Packer, è stato trovato morto nella sua casa di Milpitas il 13 marzo. Un medico legale ha stabilito che Packer è morto per overdose di fentanil.

Secondo quanto riferito, Packer, 24 anni, è andato in overdose a casa poche ore dopo aver partecipato a una festa. In precedenza era un giocatore di football famoso alla San Jose State University.

Mata ha affermato che gli agenti di polizia non sono immuni dai problemi che affliggono la società nel suo insieme, compreso l’abuso di sostanze. Gli studi hanno dimostrato che in media un agente di polizia affronta o è esposto a un’esperienza traumatica tre volte ogni sei mesi di servizio.

imballatore
L’ufficiale dell’SJPD De’Jon Packer ha subito un’overdose fatale da fentanil a casa. (Immagine cortesia SJPD)

La morte di Packer è ancora oggetto di indagine da parte dell’unità per gli affari interni dell’SJPD.

Il sindaco Liccardo sta spingendo affinché l’SJPD richieda test antidroga e alcol obbligatori a tutti gli agenti, oltre a rinnovare il processo di reclutamento e assunzione di nuovi agenti da parte del dipartimento di polizia.

“So che il capo Mata sta prendendo molto sul serio questi incidenti e siamo d’accordo sul fatto che abbiamo molto lavoro da fare. Nei prossimi giorni, attendo con impazienza i passi specifici e attuabili che il dipartimento intraprenderà per migliorare lo screening e il background dei nuovi candidati all’accademia di polizia, nonché la supervisione e le indagini sulla cattiva condotta degli agenti “, ha affermato Liccardo.

“Continueremo a portare avanti le modifiche al contratto con la SJ Police Officers Association per i test casuali di droga e alcol di tutti gli agenti”, ha affermato Liccardo.

KRON On è in streaming live ora

Leave a Comment