Con Roe apparentemente annullato, altri diritti risalenti al caso dei contraccettivi potrebbero essere attaccati

Il caso ha fondato un diritto alla privacy in un modo che sarebbe stato riaffermato e affinato nelle cause della Corte Suprema nei decenni successivi, estendendo libertà verso nuovi angoli del movimento per la giustizia sessuale e sociale: il diritto per i single (non solo le coppie sposate) di accedere ai contraccettivi; il diritto all’aborto; i diritti delle coppie dello stesso sesso ad avere rapporti sessuali; e infine il loro diritto di sposarsi. Il caso Griswold ha persino influenzato il diritto al matrimonio interrazziale, sebbene in quel caso storico fossero coinvolti anche altri principi legali di uguaglianza, esperti legali dire.

Ora, però, avvertono gli analisti legali e i difensori dei diritti riproduttivi, tutto questo cambiamento sociale e politico potrebbe essere cancellato se la Corte Suprema decidesse di estendere, o basarsi su, il ragionamento esposto nel progetto di parere del giudice Samuel Alito che ribalta Roe v. Wade, la decisione del 1973 che afferma il diritto di una persona all’aborto.

Alito, nella sua bozza di parere, respinge tale possibilità: “Nessuna delle altre decisioni… riguardava la questione morale critica posta dall’aborto”, afferma la bozza. “La nostra conclusione che la Costituzione non conferisce un tale diritto non li pregiudica in alcun modo”.

E durante le sue udienze di conferma nel 2006, Alito ha affermato di ritenere che “la Costituzione … protegge il diritto alla privacy in diversi modi”. Ha parlato con attenzione ma sembrava sostenere la posizione di Griswold anche se non in parte del suo ragionamento legale.

Potrebbe esserci anche una sorta di baluardo extragiudiziale a protezione di Griswold. Mentre i diritti all’aborto godono del sostegno della maggioranza nel paese, il sostegno alla libertà di usare contraccettivi è quasi unanime: oltre il 90 percento, secondo un sondaggio Gallup del 2019.

Ma altri osservatori legali affermano che è importante guardare oltre le assicurazioni di Alito alla formulazione potente e potenzialmente consequenziale della sua bozza. L’opinione trapelata di Alito, dicono, stabilisce un livello molto più alto per stabilire diritti non enumerati, uno standard che potrebbe aprire Griswold, e la sua progenie legale, a una riconsiderazione da parte dei tribunali statali, che potrebbero lanciare la questione davanti a un sempre più conservatore e assertivo, alta Corte.

“Tutto questo è sul tavolo”, ha detto Kenji Yoshino, professore di diritto costituzionale alla New York University. Ha aggiunto che l’opinione di Alito “sviscera molti dei cosiddetti casi di diritto alla privacy”.

Secondo Yoshino e altri analisti legali, il test di Alito per i diritti alla privacy sta nel fatto se il diritto non enumerato rivendicato da una persona è “profondamente radicato nella storia e nella tradizione di questa nazione”, una cornice ristretta guidata da una decisione della Corte Suprema del 1997 che vieta il suicidio assistito dal medico. Il suo standard proposto guarda oltre il linguaggio più permissivo della maggioranza della corte nel più recente caso di matrimonio gay che richiede i diritti di visione attraverso un obiettivo che “Rispetta la nostra storia e impara da essa senza lasciare che il passato da solo governi il presente.”

La decisione di Griswold, ha detto Yoshino, è stata “una modernizzazione davvero importante della Costituzione per il 20° e il 21° secolo, e tutto ciò è in pericolo ora se questa bozza di parere diventa la legge del paese”.

“Ora tutto è in gioco – chissà cosa porterebbe questo nuovo paesaggio”, ha detto Yoshino.

Esperti legali conservatori critici nei confronti della decisione di Griswold affermano che la loro opposizione non è centrata sulla questione se una coppia sposata debba avere accesso ai contraccettivi, ma sul ragionamento alla base della decisione. Con un voto di 7-2, la corte ha ritenuto che vari diritti garantiti attraverso la Carta dei diritti creassero una serie di quelle che la corte chiamava “penombra”, o zone legali, che stabilivano un diritto intrinseco alla privacy, anche se non esplicitato. Quella scoperta è stata rapidamente attaccata.

“Uno dei motivi per cui le persone hanno criticato Griswold è il suggerimento di questo interesse amorfo e generalizzato della privacy che potrebbe significare una serie di cose diverse”, ha affermato Edward Whelan, Antonin Scalia Chair in Constitutional Studies presso l’Ethics and Public Policy Center, un Think tank conservatore e gruppo di difesa con sede a Washington, DC.

Whelan ha definito il divieto di accesso ai contraccettivi del Connecticut un'”allodola” che avrebbe potuto essere ribaltata attraverso altri ragionamenti più validi dal punto di vista legale.

Ma, ha affermato, non c’è nulla nell’opinione di Alito che suggerisca che Griswold dovrebbe essere rovesciato. Ha affermato che l’analisi storica di Alito sulle leggi sull’aborto è molto diversa da un’analisi dell’uso storico dei contraccettivi e ha definito “assurdo” collegare i due casi insieme.

“Questo è un atteggiamento spaventoso; è progettato per ampliare la base dell’opposizione politica ad a [Roe] sentenza “, ha detto Whelan. “In fondo, la preoccupazione per Griswold riguarda la sua miscela di interessi generalizzati alla privacy che sembra autorizzare i giudici a inventare molte cose. Non si tratta di alcun desiderio di vietare i contraccettivi”.

Molti altri esperti legali non sono d’accordo, sostenendo che le domande sullo standard del diritto alla privacy e le potenziali implicazioni per il caso Griswold vanno oltre il teorico. I casi in questione sono legati tra loro da un filo conduttore di un diritto alla privacy che sta alla base della protezione della sessualità, dell’intimità e dei diritti riproduttivi, interessi che sono stati attaccati dalla destra.

Esperti legali affermano che il tentativo di Alito di limitare la portata della sua opinione ai casi di aborto non sarà sufficiente per arginare la marea di future sfide legali motivate politicamente che sorgeranno se il suo test sarà infine inciso nella dottrina del tribunale.

Ciò potrebbe aprire la porta, affermano gli analisti legali, alla maggioranza conservatrice della corte, o a un futuro tribunale, per ribaltare Griswold, una possibilità che sembra ad alcuni più realistica data l’audacia dell’apparente volontà dell’attuale tribunale di abolire completamente il 50-anno- vecchio precedente di Roe.

I leader politici conservatori, galvanizzati dal linguaggio forte del progetto di parere di Alito, si sono già mobilitati a sostegno di un divieto nazionale dell’aborto. Alcuni hanno contestato la legittimità di contraccettivi di emergenza, come il piano B, o la pillola del giorno dopo. E hanno attaccato direttamente Griswold, la base di tutti quei casi.

In Arizona, a principale candidato repubblicano per il Senato degli Stati Uniti, i Blake Masters, hanno affermato che confermerà solo i giudici federali che capiscono che casi come Roe e Griswold “sono stati decisi in modo errato e che non esiste un diritto costituzionale all’aborto”. Masters ha affermato che i giudici della Corte Suprema nel caso Griswold “il commercio all’ingrosso costituiva un diritto costituzionale di ottenere un risultato politico”.

In effetti, i conservatori di tutto il paese stavano attaccando Griswold anche prima che l’opinione di Alito fosse trapelata. A febbraio, almeno tre candidati repubblicani alla carica di procuratore generale nel Michigan in modo uniforme ha denunciato la sentenza Griswold durante un dibattito, affermando che la decisione violava i diritti dello Stato. Poi, a marzo, la senatrice statunitense Marsha Blackburn del Tennessee sembrava attaccare Griswold in una dichiarazione video in cui criticava il candidato alla Corte Suprema Ketanji Brown Jackson. Blackburn ha detto che Griswold e altre “sentenza insana” come quella “confondono i Tennessee e lasciano il Congresso a chiedersi chi abbia dato alla corte il permesso di aggirare il nostro sistema di controlli ed equilibri”.

Il caso Griswold è stato discusso anche durante le udienze di conferma del giudice della Corte Suprema Neil Gorsuch, la cui tesi di laurea dell’Università di Oxford sembrava contestare la decisione e altri che ne sono seguiti. Allo stesso modo, il giudice Amy Coney Barrett, durante le sue udienze di conferma, rifiutato di dichiarare Roe e Griswold come casi “super-precedenti” che dovrebbero essere considerati immuni dall’essere ribaltati.

Per coloro che difendono i diritti riproduttivi, l’apocalisse sembra quasi in vista.

Se Griswold dice, “Addio rivoluzione sessuale, addio anni ’60”, ha detto Priscilla Smith, capo del progetto per i diritti riproduttivi e la giustizia della Yale Law School.

Smith ha affermato che i casi sulla privacy più recenti decisi dalla Corte Suprema, come la decisione sul matrimonio tra persone dello stesso sesso e un caso del 2003 che invalidava il divieto del sesso gay da parte del Texas, comportavano una definizione più raffinata dei diritti all’autonomia e ai diritti del giusto processo. Ma sono tutti diritti moderni che si diramano dall’albero di Griswold.

“Chissà, politicamente, dove soffieranno quei venti”, ha detto Smith, aggiungendo che se l’opinione di Alito è definitiva, “le basi per Griswold sono sparite”.

“È completamente irrealistico e ci riporterebbe indietro di 150 anni”, ha detto. “Controllare il comportamento sessuale delle persone non solo è impossibile, ma si intromette anche nella nozione più elementare di libertà e libertà che abbiamo come individui”.

Rebecca L. Davis, professoressa di storia all’Università del Delaware e autrice di “Public Confessions: The Religious Conversions that Changed American Politics”, ha affermato che le dispute legali e politiche minacciano di svelare decenni di lavoro per affermare i diritti sessuali e riproduttivi che la maggior parte Gli americani hanno riconosciuto e abbracciato molto prima del caso Griswold.

“È un attacco globale all’idea delle donne come cittadine piene, complete ed eguali”, ha affermato, sostenendo che la rivoluzione sessuale americana è iniziata molto prima che la Corte Suprema affermasse a Griswold che “si potrebbe fare sesso per scopi diversi dalla riproduzione .”

Nel 1965, ha detto: “Il Connecticut era molto indietro rispetto ai tempi”.

Tornando al 19° secolo, ha detto Davis, uomini e donne hanno trovato sempre più modi per controllare la fertilità e il tasso di natalità, attraverso l’aborto o l’uso di contraccettivi. Ma quegli sforzi, ha detto, sono sempre stati attaccati da una destra religiosa conservatrice che cercava di fare le sue convinzioni e moralità la legge del paese. Ciò ha portato al passaggio tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo di restrizioni all’accesso al controllo delle nascite e leggi anti-oscenità, che comportavano restrizioni su ciò che poteva essere scritto nei libri o suonato nei teatri. E le leggi sull’aborto.

Ci sono sempre state “persone potenti che possono approvare leggi che riflettono ciò che pensano o pronunciarsi su casi giudiziari che riflettono su ciò che stanno pensando”, ha detto Davis.

Con Roe v. A quanto pare Wade sta per essere annullato, ha detto, “dovremo tutti iniziare a immaginare come sarà”.

Dott. Jennifer Childs-Roshak, della Planned Parenthood League del Massachusetts, ha affermato che le potenziali ramificazioni dell’opinione di Alito dovrebbero fungere da appello a sostenere ed espandere i diritti all’aborto e la cura riproduttiva in tutto il paese, in particolare in stati come il Texas, dove l’aborto è un crimine una volta che è possibile rilevare un battito cardiaco fetale, che può verificarsi già a sei settimane dall’inizio della gravidanza. In Mississippi, dove il caso di ribaltare Roe v. Wade è nato, attualmente c’è solo una clinica per aborti in tutto lo stato.

Come di recente come quattro anni fa, il Massachusetts, considerato uno stato blu liberale che sostiene il diritto di scelta di una donna, aveva ancora leggi sui libri che criminalizzavano l’adulterio, il sesso prematrimoniale e la contraccezione, inclusa una legge che rendeva un crimine per i medici aiutare in ” procurare un aborto spontaneo”. Lo Stato nel 2018 ha approvato una legislazione che annulla quelle leggi, una dimostrazione di sostegno ai diritti riproduttivi e una salvaguardia se Roe v. Wade mai essere ribaltato. È un’azione che altri stati dovrebbero considerare, ha detto Childs-Roshak.

“È un momento davvero importante in questo momento, perché davvero la porta è spalancata, basata non solo su ciò che dice direttamente l’opinione di Alito, ma anche su ciò che suggerisce”, ha affermato Childs-Roshak.

Il “linguaggio usato in quella bozza era super aggressivo”, ha detto, e suggerisce che il ribaltamento di Roe v. Wade “non era l’obiettivo finale”.


Milton J. Valencia può essere raggiunto all’indirizzo milton.valencia@globe.com. Seguilo su Twitter @miltonvalencia e su Instagram @miltonvalencia617.

Leave a Comment