Clarence Thomas afferma che la fuga di notizie sull’aborto ha cambiato la Corte Suprema

Il giudice Clarence Thomas afferma che la Corte Suprema è stata modificata dalla scioccante fuga di una bozza di parere all’inizio di questo mese

WASHINGTON – Il giudice Clarence Thomas afferma che la Corte Suprema è stata cambiata dalla scioccante fuga di una bozza di parere all’inizio di questo mese. Il parere suggerisce che la corte è pronta a revocare il diritto all’aborto riconosciuto quasi 50 anni fa in Roe v. Guadare.

Il conservatore Thomas, che è entrato a far parte della corte nel 1991 e ha a lungo chiesto Roe v. Wade da ribaltare, ha descritto la fuga di notizie come un’impensabile violazione della fiducia.

“Quando perdi quella fiducia, specialmente nell’istituzione in cui mi trovo, cambia radicalmente l’istituzione. Inizi a guardarti alle spalle. È come una sorta di infedeltà che puoi spiegarla, ma non puoi annullarla”, ha detto parlando a una conferenza venerdì sera a Dallas.

La corte ha affermato che la bozza non rappresenta la posizione finale di nessuno dei membri della corte e il giudice capo John Roberts ha ordinato un’indagine sulla fuga di notizie.

Thomas ha detto che in precedenza, “se qualcuno avesse detto che una riga di un’opinione” sarebbe trapelata, la risposta sarebbe stata: “Oh, è impossibile. Nessuno lo farebbe mai”.

“Ora quella fiducia o convinzione è sparita per sempre”, ha detto Thomas alla Old Parkland Conference, che si descrive come una conferenza “per discutere di approcci alternativi comprovati per affrontare le sfide che i neri americani devono affrontare oggi”.

Thomas ha anche detto a un certo punto: “Penso che quello che è successo a corte sia tremendamente negativo … Mi chiedo per quanto tempo avremo queste istituzioni al ritmo con cui le stiamo minando”.

Thomas ha anche parlato delle proteste dei liberali nelle case dei giudici conservatori nel Maryland e in Virginia che hanno seguito il rilascio del progetto di parere. Thomas ha sostenuto che i conservatori non hanno mai agito in quel modo.

“Non visiteresti mai le case dei giudici della Corte Suprema quando le cose non sono andate per il verso giusto. Non abbiamo fatto i capricci d’ira. Penso che sia… incombente su di noi agire sempre in modo appropriato e non ripagare colpo su colpo, ” ha detto.

Sabato sono attese anche le proteste alla Corte Suprema e in tutta la nazione.

Thomas stava parlando davanti a un’udienza come parte di una conversazione con John Yoo, che ora è un professore di giurisprudenza a Berkeley ma ha lavorato per Thomas per un anno all’inizio degli anni ’90 come impiegato legale.

Ogni giudice ha generalmente quattro impiegati legali ogni anno e l’attuale gruppo di impiegati legali è stato al centro di speculazioni come possibile fonte della fuga di notizie del progetto di parere. Sono uno dei pochi gruppi insieme ai giudici e ad alcuni membri del personale amministrativo che hanno accesso alle bozze di parere.

Thomas ha anche risposto ad alcune domande del pubblico, inclusa quella di un uomo che ha chiesto informazioni sulle amicizie tra giudici liberali e conservatori in corte, come una nota amicizia tra il defunto giudice liberale Ruth Bader Ginsburg e il defunto giudice conservatore Antonin Scalia. “Come possiamo promuovere lo stesso tipo di relazione all’interno del Congresso e all’interno della popolazione in generale?” chiese l’uomo.

“Beh, ora sono solo preoccupato di tenerlo a corte”, ha risposto Thomas. Ha continuato a parlare in termini entusiastici di ex colleghi. “Questa non è la corte di quell’epoca”, ha detto.

Nonostante i suoi commenti, Thomas sembrava di buon umore, ridendo di cuore a volte. Yoo, noto per aver scritto i cosiddetti “promemoria di tortura” che l’amministrazione di George W. Bush ha usato per giustificare l’uso di tecniche di “interrogatorio avanzato” dopo il 19 settembre. 11 attacchi terroristici, ha detto a un certo punto di aver fotografato gli appunti che Thomas aveva preso durante la conferenza.

“Le farai trapelare?” chiese Thomas ridendo.

Yoo ha risposto: “Beh, so dove andare … Politico pubblicherà tutto ciò che gli do ora”.

.

Leave a Comment